Skip to main content
ComunicazioneMarketing strategy

Marketing: cos’é un piano strategico?

By 25 Novembre 2019No Comments

Le aziende che operano in un contesto economico e che vogliono rivolgersi all’estero devono necessariamente essere preparate in tema di marketing.

Un piano strategico è il passo fondamentale da fare per definire la missione e gli obiettivi generali.
I consumatori sono sempre al centro e l’obiettivo è creare valore per i clienti, instaurando un rapporto solido e duraturo, ma soprattutto di fiducia reciproca.
La strategia di marketing occorre proprio per creare questa relazione: l’impresa sceglie, in base alla propria mission, qual è il target di riferimento e in che modo andrà a rivolgersi ad esso.
Va da sé che le imprese non possono pensare di servire in modo profittevole tutti i potenziali clienti: una solida strategia di marketing, quindi, richiede in questo senso un’attenzione particolare.

I passaggi da fare per definire il target di riferimento sono 4.

Segmentazione del mercato

Tutti i mercati hanno dei segmenti, ma non tutti i modi sono ugualmente utili per un’impresa.
L’esperto di marketing deve determinare quali sono quelli che offrono le opportunità migliori.
I consumatori possono essere raggruppati in diversi modi, sulla base di fattori che possono essere geografici, demografici, psicografici e comportamentali.

Targeting

Dopo aver segmentato si valuta l’attrattività di ogni segmento per scegliere su quale orientarsi.
L’impresa, chiaramente, prenderà le proprie decisioni in base al profitto potenziale massimo e, in caso di risorse limitate, può anche scegliere di rivolgersi a nicchie di mercato, che non sono altro che segmenti più ristretti.
La maggior parte delle realtà imprenditoriali entra in un mercato nuovo occupandosi di un segmento singolo. In caso di successo procede man mano verso altre realtà. Le aziende più grandi puntano, in gran parte dei casi, alla copertura totale dei segmenti.

Differenziazione e posizionamento sul mercato

Differenziare l’offerta è fondamentale per trovare una buona posizione sul mercato.
La posizione del prodotto, quindi, non è altro che il posto che il prodotto stesso occupa, in base alla concorrenza, nella mente dei consumatori. Un buon marketer non fa altro che generare una posizione unica per i prodotti di cui si occupa, desiderabile e distinta, per dar loro più vantaggio nei mercati di riferimento.
Come fare? Individuando le differenze di valore per i clienti, guardando sempre ai vantaggi competitivi nei confronti della concorrenza. Un valore maggiore può essere dato sia da un prezzo minore rispetto agli altri o dall’offerta di benefici maggiori.
Attenzione: un beneficio, se promesso, deve essere tale, pena la perdita di valore.

Maketing mix

È quanto l’impresa fa per influenzare la domanda del suo prodotto, attraverso un insieme di strumenti di marketing che possono essere controllati.
Lo scopo è ottenere le risposte che si desiderano nel mercato scelto.
I gruppi su cui si fonda il marketing mix sono 4, le famose 4P:

  1. Product (prodotto): combinazione di beni e servizi offerti;
  2. Price (prezzo): quantità di denaro che i clienti devono pagare per avere il prodotto;
  3. Place (distribuzione): luogo fisico o virtuale dove domanda e offerta si incontrano;
  4. Promotion (promozione): le attività di comunicazione che comunicano i punti di forza del prodotto e convincono all’acquisto.

Marketing mix

Tutti questi elementi, per una strategia efficace, devono essere miscelati (mix, appunto) per creare un kit di strumenti che portano ad uno sviluppo tattico dell’impresa e del prodotto offerto.

Un punto di vista diverso è dato dalle 4C, che è quello dell’acquirente.
Cerchiamo di capire meglio:

  1. Soluzione per Cliente
  2. Costo per cliente
  3. Comodità
  4. Comunicazione

In sostanza, mentre chi gestisce nel marketing punta alla vendita dei prodotti (chiaramente, ndr), i clienti si vedono acquirenti di valore.
Il loro interesse non si limita solo al prezzo ma fanno attenzione ai costi totali che occorrono per ottenere, utilizzare e anche smaltire un prodotto. Per ottimizzare al meglio questi aspetti è importante che quanto offerto sia disponibile nel modo più comodo possibile sfruttando la comunicazione a due vie.

Il consiglio? Considerare le 4C in primis e poi considerarle come base per costruire un marketing mix più efficace.

Leave a Reply